Pagina 3 di 10

Re: ...........

MessaggioInviato: giovedì 25 settembre 2008, 18:01
di Sarettina31vedSmith
sì, anch'io ho visto il film, ma non ricordavo la battuta, ora che l'hai citata tu mi è venuta in mente!!
bè, direi che la Pivetti aveva ragionissima!!

Re: Tullio Solenghi: di tutto, di più!

MessaggioInviato: mercoledì 1 ottobre 2008, 12:26
di Bella_Figheira
Il 2 aprile 2008 è stato e rimarrà un giorno indimenticabile. Ancora completamente imbevuta di "Non esiste più la mezza stagione" ed emotivamente devastata dal filmato finale e da tutti gli abbracci e gli sguardi reciproci che si erano scambiati, leggendo il giornale vengo a sapere che alle 13 di quello stesso giorno Tullio avrebbe tenuto una conferenza al Politecnico di Milano, dal titolo "L'attore, architetto dell'espressione". Boom! Io non sono una persona emotiva, ma questo rumore l'ho sentito provenire distintamente da quel malloppetto ciccioso che è il cuore.
Con le gambe che mi termano, mi reco a prendere il tram...ovviamente le leggi di Murphy non si smentiscono mai, perciò "Se qualcosa può andar male lo farà" vale anche in quel giorno: quella linea è rotta, chissà quanto tempo ci vorrà per ripristinarla. Beeeeeene!!!! Il Politecnico è dall'altra parte della città, non mi resta che chiamare un taxi. Quindi mi metto lì e aspetto...non passano neanche 10 secondi che comincio a fare mente locale chiedendomi se in borsa abbia messo tutto il necessario. La apro: ci sono le cose più impensabili (persino la doppia penna, casomai per l'autografo una non dovesse scrivere...), ma Murphy non mi molla un momento...ho dimenticato il portafogliiiiiiiiiiiiiiiiiiiii (e non ho alcuna intenzione di vendermi un rene per pagare la mia corsa in taxi...tanto per essere pesantemente sarcastica)!!!!!!!!!!!!! Beeeeeeeeeeeeeeeeeeeene!!!!!!!!!!!
Annulla la chiamata del taxi e, semizoppicando perchè mi ero operata ad un piede ed ancora non correvo bene, mi catapulto verso casa.
Preso il portafogli, chiamo il taxi; ci salgo che sono le 12.55...la conferenza sarebbe iniziata 5 MINUTI DOPO!!! Durante il percorso ad ogni semaforo rosso rischio un infarto.
Arrivo e....sono salva, la conferenza non è ancora iniziata.
LUI è lì, bellissimo, che gironzola nervoso, perchè sono già le 13.35 (più tardi scoprirò che per tornare a casa avrebbe preso il treno con la moglie, anche lei presente alla conferenza...che coppia umana, niente voli in prima classe o macchinoni): ben presto capisco che il Rettore sta aspettando che l'aula magna si riempia del tutto. Ma è un'utopia: considerate l'orario, considerate che non tutti hanno voglia di farsi mezza città - 'sti sciuprinati - e, con dolore, considerate che non a tutti piace Tullio - 'sti impuniti!!!!!!!!!!!!!
Si comincia, l'aula è piena a metà...che insulto per un artista della sua caratura. Il peggio, comunque, deve ancora arrivare: nel discorso d'apertura il Rettore dice che questa è la prima di una lunga serie di conferenze e che perciò il s(ign)or Solenghi è qui per fare da cavia, nel senso che, vista l'ora, si vuole considerare l'affluenza e se l'aula magna è la sede giusta.
Solo a ripensarci mi viene la pelle d'oca, non voglio nemmeno commentare...
Poi lui sale sulla pedana e le parole del rettore sono solo un lontano ricordo...racconta aneddoti, episodi. I ragazzi presenti gli fanno le domande più impossibili (domande "tecniche" sul filo della connessione tra architettura e recitazione, ecc., di cui non ci ho capito niente!)...rimango estasiata dalle risposte e penso: quest'uomo è un enciclopedia. E quando dice che guarda History Channel...beh, gli farei un monumento seduta stante (io studio scienze storiche).
La domanda che ho il coraggio di fargli è: nella vita di tutti i giorni il tuo occhio distorsore della realtà (mi sembra che ne parli anche nel libro, dicendo che è proprio questo "terzo occhio" a distorcere la realtà in modo da renderla comica) in che modo si manifesta, ti ha aiutato a districarti da qualche situazione scomoda?
Beh, ragazzi ha raccontato un aneddoto che, nella sua drammaticità e tristezza, è esilarante: al funerale del padre di Massimo - loro tre erano andati insieme come fratelli - il sacerdote ha sbagliato più volte il nome del defunto durante l'omelia, finchè non sono stati costretti a dirglielo...
Ovviamente alla fine della conferenza non mi sono fatta mancare autografo e foto :D :D
Rievocare per voi quest'esperienza è stato come viverla una seconda volta...sono distrutta, ma grazie per avermene dato la possibilità! ;)

Re: Tullio Solenghi: di tutto, di più!

MessaggioInviato: mercoledì 1 ottobre 2008, 12:58
di SoraFlora
Oh grazie a te!!! :D :D :D Che bellissimo racconto! E chissà che bello vederselo lì davanti all'improvviso,senza che si fosse organizzato niente (ci sei andata non appena l'hai letto, giusto?)! Io mi sarei messa a pingere dalla gioia, soprattutto dopo aver passato tutte quelle disavventure...mammma mia!! :shock:
Bellissimo l'anneddoto del funerale! Per certi versi mi ricorda un po' una scena di La rossa del Roxy Bar...

Re: Tullio Solenghi: di tutto, di più!

MessaggioInviato: mercoledì 1 ottobre 2008, 13:13
di Federica
Cavolo Bella Figheira! grazie!!
effettivamente è proprio vero che quando qualcosa può andare male...va!
Devo farti i complimenti per il sangue freddo, prima la linea rotta, poi niente portafogli...mi fossi trovata io in una situazione del genere sarei scoppiata a piangere e avrei rinunciato, bischera come sono!
Comunque ribaudisco i complimenti, alla fine le tue fatiche sono state premiate!
Domanda a Tullio - io non riuscirei MAI a fare una domanda a qualcuno con altre 50 persone che stanno lì ad ascoltare - foto e autografo...immagino come sarai tornata a casa, con un bel sorriso a 55 denti! :mrgreen:

Re: Tullio Solenghi: di tutto, di più!

MessaggioInviato: mercoledì 1 ottobre 2008, 14:10
di Bella_Figheira
E chissà che bello vederselo lì davanti all'improvviso,senza che si fosse organizzato niente (ci sei andata non appena l'hai letto, giusto?)!


Ho avuto qualche ora per organizzarmi :shock:

Bellissimo l'anneddoto del funerale! Per certi versi mi ricorda un po' una scena di La rossa del Roxy Bar...


Sììì, anche se lì era stato Tullio/Tonino a sbagliare funerale :lol:

Domanda a Tullio - io non riuscirei MAI a fare una domanda a qualcuno con altre 50 persone che stanno lì ad ascoltare


Sono assolutamente d'accordo, ma sapevo che quella era la mia unica occasione! :oops: :oops: :oops:

Re: Tullio Solenghi: di tutto, di più!

MessaggioInviato: mercoledì 1 ottobre 2008, 15:28
di Luana
Ma che bello!!! Grazie!!!Neanch'io avrei avuto il coraggio di fare la domanda :oops: :oops:

Re: Tullio Solenghi: di tutto, di più!

MessaggioInviato: mercoledì 1 ottobre 2008, 16:11
di Ilaria
Complimenti Chiaretta, che polso ! Insomma, triofili all'arrembaggio eh! :D

Re: Tullio Solenghi: di tutto, di più!

MessaggioInviato: mercoledì 1 ottobre 2008, 20:04
di Irene
Oh mio dio!
Mesi fa ho visto su internet il video della tua esperienza!
Eri tu quella ragazza che gli poneva quella domanda?!?

Immagino l'emozione, le palpitazioni...in 2 minuti di racconto mi hai fatto vivere il tuo personalissimo 2 aprile!
Assurdo...Sei una grande!!!!! Anzi mi correggo, una gran bella figheira!

Re: Tullio Solenghi: di tutto, di più!

MessaggioInviato: mercoledì 1 ottobre 2008, 20:38
di Laura85
Grazie Bella Figheira per aver condiviso qua il tuo emozionante incontro con Tullio!!!! chissà che bello trovarselo lì davanti a parlare...sei stata grandissima a fargli la domanda, anche io penso che non avrei mai avuto il coraggio....mi sarei impappinata tipo signorina Carlo!!! Grazie ancora per il tuo racconto, mi ha emozionato moltissimo!!! :D

Re: Tullio Solenghi: di tutto, di più!

MessaggioInviato: giovedì 2 ottobre 2008, 19:05
di Irene
Sulla scia de "gli incontri" vorrei tornare indietro di circa 5 mesi, e raccontarvi quel meraviglioso 25 Maggio, giorno in cui abbiamo visto "L'ultima radio".

Cominciò tutto per caso, un messaggio di Fede: "Se tu vai vengo anche io"; Dolores era incerta...gli impegni di lavoro le impedivano di poter prendere una decisione.

Siamo decise: ANDIAMO!

"Via siamo 3, ci si fa coraggio a vicenda!" E' questa la frase che ci ripetevamo in continuazione.
Scorrono i giorni...quella data che sembrava così remota come d'incanto arriva.
Io personalmente non riuscivo a capire a cosa andavo incontro!
Stazione termini, un caldo che si schiatta...Due future supermod si incontrano, sotto gli occhi vigili della madre della più piccola delle due....Un pò per diffidenza, un pò per timidezza, un pò per il casino del momento io e la fede ci "squadriamo", ma non ci fermiamo!

E' presto ancora, tra ansia e magone (e afa!) pare che il tempo si sia fermato...
Passiamo di fronte il teatro, c'è lui in foto...e già sognamo
Ma sono ancora le due del pomeriggio, grondiamo di sudore, quindi...quale momento migliore per una bevanda fresca?

Eccoci: sono le 16 e 30...la paura si fa sentire!
Cavolo siamo sudate fraciche, con quale aspetto ci presentiamo al nostro idolo?

Le immagini scorrono veloci nella mia mente, ricordo quasi tutto, la musica iniziale, la sua entrata in scena da una porticina alla destra della platea...e via!
Comincia lo spettacolo, si aziona quella fantastica macchina che si chiama teatro.
Monologo ironico, sarcastico, divertente, triste, commuovente...la storia intervalla i momenti più disparati, tutti resi splendidi da lui...

Il post-spettacolo: Veniamo inconsapevolmente "trasportati" dalla folla al piano di sotto...Risaliamo su facendoci forza a vicenda "Ce la faremo!"
Un corridoio, una porta...la porta si apre...Indovinate chi esce??? Sì, proprio Tullio.
Dopo essersi fermato a discutere con dei suoi conoscenti si indirizza verso di noi.
Premetto che io in quel momento non connettevo affatto, quindi tutto ciò che da qui in poi racconto non è molto attendibile!
Ci stringe la mano..."Noi facciamo parte di un forum sul Trio..." Riesce a dire Federica.
"Ah, siete voi quelle matte!" Ribatte Tullio.
La sorella di Dolores, Juanita, forse meno emozionata di noi, gli domanda "Le posso fare una foto con tutte loro?"
E poi viene la volta del camerino: ci siamo beccate un autografo a testa con dedica, rigorosamente sulla nostra copia di "Uno e TRInO".
Un ultima cosa: "Federì...quando me ricapita più!"
"Posso farmi una foto con lei da soli????" Mi faccio sempre riconoscere....

Siamo uscite da lì con una gioia in più dentro di noi, e quei due occhi verdi stampati nel nostro cuore....