Amadeus - Teatro Elfo Puccini, Milano

Visitate anche il suo sito personale! www.tulliosolenghi.com

Amadeus - Teatro Elfo Puccini, Milano

Messaggiodi Bella_Figheira il domenica 18 gennaio 2015, 22:37

"La pièce teatrale, scritta da Peter Shaffer e diventata un film di grande successo del 1984, racconta il tentativo del compositore italiano Antonio Salieri di distruggere la reputazione dell'odiato avversario Wolfgang Amadeus Mozart. Invidia, rabbia, senso d'impotenza, bisogno d'amore e di libertà movimentano questo dramma che, allontanandosi dalla verità storica (l'odio tra i due non è mai esistito), conquista una teatralità avvincente e profondamente umana.
Un capolavoro di modernità vestita con gli abiti del Settecento, in cui Tullio arriva con asciutta intensità al cuore del tormento di Salieri, usando tutti i registri di un grande attore. E Aldo Ottobrino è capace di esprimere tutta la disperata solitudine del giovane Mozart, nascosta sotto un groviglio di spudoratezza."
Ecco, se dovessi buttare giù una recensione seria dello spettacolo, la scriverei esattamente come il Teatro Elfo Puccini ha fatto nel suo cartoncino di presentazione.
Invece vorrei subito dire che l'ho trovato...spiazzante! Sì, è stata questa la prima sensazione che ho provato già durante le scene iniziali: la rabbia di Salieri contro Mozart ma, in realtà, contro Dio che ha concesso a questo ragazzo un dono che egli non sembra in grado di apprezzare, l'utilizzo di un linguaggio a tratti triviale e di atteggiamenti spudorati e un Mozart che sicuramente non è quello che ti hanno insegnato a scuola o che, comunque, è presente nell'immaginario collettivo. Ben presto mi ritrovo a chiedermi se sto davvero vedendo uno spettacolo su uno dei più grandi compositori musicali che la storia abbia avuto. A testimonianza del senso di straniamento di una parte del pubblico, al termine dello spettacolo sentirò una signora dire "Ma è possibile dissacrare Mozart in questo modo??".
Io, però, so bene che spesso i personaggi storici non erano davvero come ci sono stati trasmessi dalla storiografia e non lo trovo dissacrante ma semplicemente un (fantastico e originale e...in costume!) modo per conoscere il vero Mozart.
Indimenticabili per me i momenti in cui Tullio è solo sul palco e inveisce contro Dio: vederlo è una lectio magistralis di occupazione dello spazio scenico e uso della voce. :cuore:
Salve! Oh ciao! Sono Bella Fighejra!
Mi pare ormai afferrato il concetto che sono proprio una gran bella fighejra
Bella_Figheira
Gruppo Collaboratori
 
Messaggi: 539
Iscritto il: venerdì 15 agosto 2008, 15:35
Località: Vivo sull'asse Pescara-Milano

Torna a Tullio Solenghi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron